lunedì 26 novembre 2012

il risparmio energetico

Mica è facile capire quante energie hai a sufficienza per affrontare la giornata!

Potessi avere un bidoncino conta-energia come l'orsetto della duracell almeno mi organizzerei meglio i adesso: io che di solito mi alzo dal letto che non ho ancora capito dove mi trovo... se su un albero o in mezzo al mare (forse perché a farmi rimbalzare giù dalle coperte è il nanetto che ti tira i capelli e ginocchia contro la tua pancia e parla come un aquila nelle orecchie ancora addormentate alle otto del mattino) e non c'è domenica che tiene :-/



Nel mio caso lavorativo, e per tutti i casi di chi lavora in proprio, il "capo" e il "dipendente" sono sempre io, il che dà i suoi pro e i suoi contro. Solitamente lavoro di sabato e domenica (matrimoni e concerti) quindi durante la settimana sono alle prese col mio bimbo che per qualche mattina della settimana va al baby-parking e qualche altra fà attività con me (tipo piscina o parco giochi o biblioteca) ma c'è un risultato che non cambia mai: dal mezzogiorno a sera stiamo insieme :)  :-/  :(

Comunque il tempo passa e negli anni capisci che le energie sono importanti e conviene preservarle:

  • quando si è ragazzine: pile full e non hai bisogno di riposare
  • e poi sei donna che convive col "moroso": pile full ma... hai il tempo per rigenerarti ;)
  • finalmente mamma: pile out, quasi sempre, costantemente. niente. ci vuole un piano settimanale per il risparmio energetico.


Questa settimana che verrà ho deciso di crearmi una griglia dove i giorni e le ore si intersecheranno come la battaglia navale. Bene, oggi è lunedì, e parto già svantaggiata perché domenica ho cantato in una chiesa di Milano dove, per mia sfortuna, ho preso umidità e aria quanto basta per raffreddarsi. Disastro quando non riesco a calcolare gli imprevisti! Anche perché sabato canterò ancora e ho bisogno di energia. Sapete quanto si deve essere in forma per cantare? ...un casino!



Dunque, meglio chiarire chi fa cosa o altrimenti rischio di lasciarmi travolgere dal vortice delle cosedicasa e non combino niente per me. Tipo al mattino (la casa è un casino) preparo il Giò preparo me e si và al BP e poi una volta tornata dovrei studiare ma la casa attorno a me comincia a pregare di sistemare quello e mettere a posto quell'altro...così arriva in fretta l'ora di andare a prendere il nanetto. Tu hai la casa pulita, sì. Però non hai ancora studiato! E nel pomeriggio non puoi farlo perché c'è il bimbo e rimandi a domani...insomma un macello... Capita anche a voi?

Così faccio un planner settimanale evidenziando le ore da dedicare a questa e quell'altra cosa. Speriamo che funzioni.
Ma poi...più che speriamo che funzioni (che ci credo anche) è speriamo di riuscire a seguirlo io!
aggiornerò....

5 commenti:

  1. mi piace il tuo blog!
    fa tanto mamma davvero! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima! <3 <3 <3
      Ho fatto un giro anche sul tuo e mi piace quindi...ci tornerò ;)

      Elimina
  2. Uh come ti capisco ... io sono la disorganizzazione in persona e arrivo sempre all'ultimo delle scadenze prima di muovermi. ogni mattina stilo la to-do list ma alla sera ho fatto sempre la metà delle cose scritte!
    ti auguro che con il planning tu riesca a trovare i tuoi spazi! baci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. posso nascondermi dietro il divano?..no eh...
      la lista l'ho lasciata sul pianoforte...è da ieri che non la aggiorno. Però è arrivato il nuovo calendario che devo appendere di fianco al letto...è arrivato col pacco regalo dell'olio Carli.
      Ma checcipossofare se gli impegni mi trascinano :-/ ..però alle volte sono anche begli impegni (tipo stamattina a casa della mia amica e i due nostri bimbi che giocavano ;-)

      Elimina
    2. anch'io compro i prodotti carli! adoro i profumatori d'ambiente!! :-)

      Elimina